IL CAVALLO AGRICOLO ITALIANO DA T.P.R.

La zona d’origine della razza è rappresentata dalla pianura Veneta, Ferrarese e Friulana. Successivamente l’area d’allevamento si è estesa progressivamente coinvolgendo in particolare ampie fasce dell’Italia Centrale e Meridionale.

Il Cavallo Agricolo Italiano da T.P.R. è una razza di mole notevole con un peso negli adulti variabile da 700 a 900 kg; la spiccata precocità di sviluppo e la buona attitudine lattifera della fattrici consentono di ottenere in condizioni ottimali puledri che già a 7-8 mesi possono superare i 400 kg di peso.
La statura minima a 30mesi è di 146cm per le femmine e di 150 cm per i maschi. La statura preferenziale di questi ultimi e compresa tra 156 e 162 cm, mentre per le femmine è di 153-160 cm.

Il T.P.R. può essere allevato sia in stabulazione che allo stato brado. Nell’allevamento stallino e possibile sfruttare opportunamente anche vecchie strutture aziendali integrate con semplici recinti e tettoie. Inoltre, la razza si è ben adattata all’allevamento brado sfruttando spesso anche pascoli difficili o poveri, rivelandosi quindi un valido mezzo per il controllo del territorio specialmente in aree a delicato equilibrio ambientale.

Di buon temperamento, i soggetti T.P.R. sono particolarmente adatti ai lavori agricoli; efficace per assicurare un basso impatto ambientale è anche l’utilizzo nei lavori boschivi specialmente nei terreni più delicati.
La notevole resistenza e la nevrilità ne fanno il cavallo ideale per gli appassionati degli attacchi con interessanti possibilità d’impiego anche in aziende dedite ad attività agrituristiche.

Il marchio della razza è rappresentato da una scala a 5 pioli racchiusa in uno scudo.
I soggetti iscritti al Libro vengono valutati una prima volta sotto-madre (in generale dai 2 ai 7 mesi di età) e successivamente a due anni e mezzo. I puledri che superano la prima valutazione vengono marchiati alla coscia sinistra; se viene poi superata anche la seconda valutazione i soggetti vengono marchiati anche al collo (lato sinistro).

L’Associazione Nazionale, su mandato del Ministero per le Politiche Agricole, cura, in collaborazione con gli Uffici provinciali di Libro, la tenuta del Libro Genealogico, fornisce l’assistenza tecnica agli allevatori iscritti al fine di conservare e migliorare la razza e promuove iniziative che possono contribuire a diffonderne l’allevamento.

 











© 2006 Associazione Nazionale Allevatori del Cavallo Agricolo Italiano da TPR - Tutte le notizie riportate sono riproducibili citandone la fonte